Descrizione Progetto

6 notti e 7 giorni / itinerario trekking e naturalistico

Calabria: Trekking attraverso Timpe Maestose ed Atmosfere Mediterranee

6 notti e 7 giorni

Una vacanza di trekking e di attività nella natura. Questo itinerario di trekking si sviluppa nella parte settentrionale della Calabria, una regione ancora molto autentica e tutta da scoprire. Durante il nostro soggiorno esploriamo una delle zone più emozionanti e selvagge del Parco Nazionale del Pollino, dichiarato Unesco Geopark. Il Parco abbonda di una splendida natura mediterranea, fiori selvatici, erbe come il timo e il rosmarino e straordinari esemplari di Pino Loricato simbolo del Parco stesso. È possibile, spesso, avvistare il nibbio, i grifoni, le poiane e i gheppi volteggiare nel cielo. Soggiorniamo a Civita, un suggestivo borgo antico, arroccato sulla sommità di una collina, di fronte alla maestosa “Timpa del Demanio” e alle famose gole del Raganello, uno dei canyon più lunghi d’Italia. Percorriamo luoghi panoramici e unici osservando e imparando a riconoscerne i fiori, le piante, le erbe selvatiche e il loro utilizzo. Roberto, appassionata guida e allevatore di rapaci ci racconta la loro  sconosciuta ed affascinante vita dandoci la possibilità di avvicinarci a loro. Dedichiamo una mattinata all’emozionante esperienza di pascolare e mungere le mucche e dal loro latte impariamo a produrre la ricotta, un formaggio fresco tipico che degustiamo insieme. Vivremo un’esperienza unica assaporando una cena picnic in un angolo di natura selvaggia a lume di candela a base di prodotti locali circondati dal profumo del pane appena sformato e dal canto dei grilli, osserviamo le costellazioni ascoltando musica tradizionale. Questo viaggio vi lascerà ricordi ed emozioni indimenticabili!

Programma

Giorno 1. Civita (Parco Nazionale del Pollino)

Ci incontriamo a Civita, uno dei più affascinanti borghi di origine Arbëreshe in Calabria. Veniamo accolti da una magica atmosfera e da deliziosi b&b nel centro storico. Gustiamo una cena tipica in un accogliente ristorantino dopo un buon aperitivo di benvenuto.

Giorno 2: Timpa del Demanio e Bosco di Santa Venere

Dopo la colazione raggiungiamo il punto di partenza della nostra suggestiva escursione naturalistica di oggi. Soggiornando nel bel borgo di Civita, arroccato di fronte alla maestosa timpa del demanio, non può mancare questo itinerario considerato tra i più panoramici del Parco Nazionale del Pollino. Percorriamo un sentiero immerso nel bosco di lecci di Santa Venere. Raggiungiamo una terrazza naturale che ci permette di godere di un panorama unico sulle Gole del Raganello. Proseguiamo sul sentiero che segue il crinale della montagna tra boschi di querce e ginepri.
Questa zona è considerata inoltre un luogo molto interessante per gli amanti del birdwatching in quanto non è raro vedere il nibbio, le poiane e i gheppi volteggiare nel cielo. Al termine del sentiero, raggiungiamo la cima della “Timpa del Demanio” dalla quale è possibile godere di un panorama mozzafiato. Mangiamo il nostro pranzo al sacco all’aperto con la vista meravigliosa sulla piana di Sibari, la costa ionica da un lato e l’incantevole borgo di Civita con le maestose montagne del Parco Nazionale del Pollino dall’altro.

Trekking: Distanza 4 km  ( a/r)  – Dislivello: 100 m    –  Durata: 2 ore c.a.  – ( livello facile-medio)

Ci attende un pomeriggio emozionante, grazie a Roberto, appassionata guida e allevatore di rapaci. Ci avviciniamo ad alcuni dei suoi volatili e alla maestosa Aquila reale e conosciamo molti dettagli interessanti relativi alla loro vita e ai loro atteggiamenti. Roberto ha ricevuto molti riconoscimenti grazie ai suoi sforzi nel diffondere una cultura naturalistica nell’area del parco del Pollino. Dopo questo incontro ravvicinato con alcuni dei rapaci più belli e affascinanti gustiamo una cena pic-nic a lume di candela a base di prodotti locali e della tradizione contadina. Circondati dal profumo della natura e dal canto dei grilli osserviamo le costellazioni ascoltando musica tradizionale.

Giorno 3. Sentiero dell’Annanza, suggestivo e antico percorso dal borgo storico di Cerchiara di Calabria al Santuario della Madonna della Armi.

Oggi raggiungiamo il borgo di Cerchiara di Calabria. La nostra escursione parte da questo incantevole paesino di montagna, seguendo un antico sentiero percorso anticamente da pellegrini e contadini che sale fino alla Madonna delle Armi. Il sentiero è chiamato “dell’Annanza” poiché attraverso di esso si raggiungono i crinali che sovrastano le gole del Caldanello oltre a poter godere di una suggestiva vista del borgo sulla roccia. Seguendo una vecchia mulattiera raggiungiamo Piano Pedarreto con la sua splendida vista sulla costa ionica.
Camminando osserviamo una vecchia casa colonica abbandonata che un tempo era una fiorente azienda agricola. Proseguiamo oltrepassando la valle di Sant’Andrea fino a raggiungere il suggestivo Santuario di origini medievali arroccato sulla roccia.
Visitiamo il Santuario che, nato come ricovero per monaci basiliani che sfuggivano alle persecuzioni di Papa Leone X, divenne poi un santuario che custodisce al suo interno una pietra con l’immagine della Madonna. Dopo un delizioso pranzo al sacco con prodotti locali, la nostra navetta ci riporta a Civita oppure ,se il periodo ed il tempo lo permettono, faremo un bagno rilassante nella piscina di acqua sulfurea della Grotta delle Ninfe). Serata libera.

Trekking: –    Distanza: 4 km ( solo andata) –    Dislivello: 380 m    –    Durata: 3 ore circa – Level: medio

Giorno 4. Timpa di S. Lorenzo ( 1.652 m. slm. ), al cospetto di una delle più imponenti e selvagge timpe del Sud Italia.

Dopo colazione ci dirigiamo verso una località chiamata S.Anna dalla quale parte la nostra escursione. La “Timpa” che andremo ad esplorare oggi si chiama “Timpa di San Lorenzo”, considerata tra le montagne più imponenti e selvagge le cui pareti strapiombanti alte fino a 800 metri si affacciano sulle Gole del Raganello. Percorriamo un sentiero agevole e saliamo su un sentiero roccioso in pendenza verso nord-ovest. Raggiungiamo il punto più alto da cui si gode di una vista spettacolare sul Massiccio del Pollino, sul Monte Sellaro e sul mar Jonio. Dopo una pausa torniamo nel nostro accogliente borgo per una cena rilassante in un ristorante tipico.

Trekking: –    Distanza: km (andata e ritorno)  –    Dislivello: m    –    Durata: 4 ore c.a. – Livello: medio

Giorno 5. Le piccole dolomiti di Frascineto “La Madonna di Lassù” ( 850 m. slm. )

Una magnifica escursione di mezza giornata alla scoperta delle suggestive piccole dolomiti di Frascineto fino a raggiungere le affascinanti rovine dell’Eremo della Madonna di Lassù, un tempo abitato da monaci basiliani che lasciavano i loro paesi a causa delle invasioni Arabe. Iniziamo la nostra ultima escursione da Frascineto. Quello che ci attende è un percorso intriso di natura selvaggia, magnifici panorami, storia e religione. Sosteremo per un rilassante pic nic circondati da questo paesaggio dolomitico. Continueremo a camminare attraverso un’antica mulattiere scavata in parte nella roccia fino a scorgere ruderi dell’eremo dove sembra di ritornare indietro nel tempo quando i monaci basiliani vivevano e pregavano nelle loro piccole e nascoste stanze. Dopo aver concluso il percorso rientriamo per una serata libera. 

Trekking: –    Distanza:   km (andata e ritorno)  –    Dislivello: m    –    Durata: ore c.a. – Livello: medio-impegnativo

Giorno 6. Il pascolo, la mungitura, la ricotta , costellazioni e musica tradizionale.

Dedichiamo il giorno prima della partenza ad un’esperienza nuova ed emozionante come il pascolo e la mungitura delle mucche. Ci alziamo molto presto la mattina per raggiungere il luogo dove pascolano le mucche. Impariamo la tradizionale mungitura dei contadini, grazie all’aiuto di Roberto. Da quel delizioso latte produciamo un formaggio fresco tradizionale chiamato “ricotta” che degusteremo durante la nostra pausa pic-nic. La mattinata prosegue con un soft trekking  attraverso un sentiero boscoso a tratti panoramico. Dopo pranzo rientriamo per un pomeriggio libero. Cena di arrivederci in un ristorantino accogliente che ci lascerà il ricordo di sapori autentici e genuini.

Giorno 7. Partenza

Partenza dopo colazione.

Ci riserviamo per eventuali cambiamenti

  • 6 pernottamenti in B&B
  • 6 colazioni
  • 1 pic nic in natura a base di prodotti locali genuini
  • 4 cene ( 1 con aperitivo, 1 pic-nic all’aperto con musica tradizionale)
  • Guida escursionistica autorizzata per tutti i percorsi di trekking indicati
  • Esperienza del pascolo e della mungitura 
  • ¼ di vino locale e ½ di acqua /persona per i pasti inclusi
  • Bus per tutte le escursioni indicate nel programma
  • Il Viaggio da / per la  Calabria
  • Trasferimenti da eventuali aeroporti ( a richiesta quotazione a parte )
  • Supplemento singola
  • Tassa di soggiorno ( dove applicata)
  • Mance ed extra
  • Eventuali assicurazioni o polizze di annullamento
  • Tutto ciò che non è specificato ne “ Il Pacchetto include”
  • Scarpe da trekking (obbligatorie)
  • Antipioggia (obbligatori)
  • Bastoni da trekking (consigliati e in particolare pieghevoli)
  • Cappello da sole
  • Maglia tecnica
  • Piccolo zaino
  • Borraccia
  • Integratori
  • Occhiali da sole e protezione solare
  • Cerotti
  • Tappetino
  • Binocolo e macchina fotografica (consigliati)

Questo itinerario è prevalentemente costituito da trekking naturalistici di media difficoltà, pertanto è consigliabile a chi è allenato e abituato a camminare in ambienti montani a volte rocciosi.

Per questo itinerario, per chi arriva in aereo,  si consiglia l’aeroporto di Lamezia Terme o Bari.

Calabria
7 giorni / 6 notti
Livello Medio (a tratti impegnativo)
Trekking / Escursioni guidate
Minimo partecipanti 8 – Massimo partecipanti 16
Periodo Aprile – Maggio – Giugno – Settembre – Ottobre

Per richiedere informazioni